6 modi per riconoscere la fame emotiva da quella fisica

Via XI Febbraio, 63, 61121 Pesaro PU, Italia



La scorsa settimana vi ho parlato di fame emotiva e di quali sono le 7 domande a cui rispondere per capire se anche a voi capita di utilizzare il cibo come modalità per affrontare le emozioni che non riuscite a gestire.

Quali sono le differenze tra fame emotiva e fame fisica?



Iniziamo con il dire che non è facile distinguerle, anche perché la fame emotiva è potente ed è facile scambiarla per fame reale.

Esistono però degli indizi che possono aiutarci a riconoscere la fame emotiva.

1.La fame emotiva è immediata.


La sensazione è urgente e sembra debba essere soddisfatta rapidamente.
La fame fisica invece ha un andamento graduale.

2.La fame emotiva predilige alimenti “consolatori” precisi.


Quando si è fisicamente affamati, quasi tutto va bene, anche frutta o verdure. Invece la fame emotiva desidera solo cibi grassi o dolci. Può proprio capitare di sentire il bisogno fisico di dolci o  di pizza, e nient'altro potrà alleviare questa sensazione di fame.

3.La fame emotiva spesso conduce a mangiare in una sorta di automatismo.


Prima di rendersene conto si è divorato un intero sacchetto di patatine o una vaschetta di gelato senza realmente prestare attenzione o apprezzando il cibo ingerito.
Quando si sta mangiando in risposta allo stimolo della fame fisica, si è in genere più consapevoli di ciò che si sta facendo.

4.La fame emotiva non viene soddisfatta una volta che sei pieno/a.


Finché non si raggiunge il colmo, la fame emotiva non da tregua. Spesso si rimane con una sgradevole sensazione di pienezza e spossatezza. Nella fame fisica non si sente la necessità di “riempirsi” ma è sufficiente sentire lo stomaco pieno e soddisfatto.

5.La fame emotiva non si trova nello stomaco.


La fame fisica si annuncia con languori o fitte nello stomaco, mentre la fame emotiva è un desiderio di cibo che risiede nella nostra testa.

6.La fame emotiva si accompagna spesso al senso di colpa o di vergogna.


Quando si mangia per soddisfare la fame fisica, solitamente non si vivono sentimenti di colpa o vergogna, perché si sta semplicemente dando al corpo ciò di cui ha bisogno.


Questi sono 6 aspetti evidenti per scoprire se mangiamo per una fame autentica o se il cibo è diventato il campo di battaglia di tutte le nostre emozioni conflittuali e di difficile gestione.

La fame emotiva conduce con il tempo a creare un meccanismo a catena per cui più si mangia e più ci si sente insoddisfatti di sé e più si continua  a mangiare per soffocare le emozioni sgradevoli.

Cosa fare per trovare una soluzione alla fame emotiva?


Fermarsi e interrogarsi non è sempre facile, ma chiedere aiuto ad un amico o ad un familiare, e raccontare cosa si sta vivendo, può essere un primo inizio per superare la vergogna e la solitudine.
Spesso può essere utile chiedere anche un aiuto psicologico e nutrizionale.

Volete sapere qualcosa di più su come accedere ai servizi di sostegno psicologico e psicoterapia dedicati ai disturbi alimentari e dell’immagine corporea?
A Pesaro il mio studio offre consulenza ad adulti, minori e genitori in collaborazione con eventuale intervento di un professionista nutrizionista.
CONTATTATEMI


Visitate anche la pagina DISTURBI ALIMENTARI dedicata al mio intervento nei casi di anoressia, bulimia e fame emotiva.

SEGUITEMI SU INSTAGRAM

© dott.ssa Susanna Murray - Psicologa Pesaro. Design by Fearne.