L'eiaculazione precoce: un problema psicologico

Via XI Febbraio, 63, 61121 Pesaro PU, Italia





A volte rifletto su i problemi e i racconti dei miei pazienti e come alcune tematiche, come la sessualità, si ripropongono spesso.
In un epoca in cui pare si sia raggiunta una certa libertà nel vivere le relazioni sessuali, il rapporto con il nostro corpo è invece sempre più disagevole.
Se da una parte siamo immersi e pressati da immagini di corpi e messaggi che strizzano l'occhio alla sessualità ( anche per vendere un filone di pane ), da un'altra si promuove l'insicurezza delle donne e degli uomini cercando di fare leva sull'importanza di una "pancia piatta dopo mangiato", di un viso senza rughe, di evitare defaillance a letto e poter vendere prodotti che ci illudano di tenere tutto sotto controllo.
E quindi oggi ci tenevo proprio a parlare di eiaculazione precoce, vista la frequenza con cui questo disagio si presenta nella popolazione maschile e come alcune pubblicità a fini commerciali, travestite da campagne per la salute, possano essere gravemente disinformative.



Che cos'è l'eiaculazione precoce?


L'eiaculazione precoce è una "persistente o ricorrente eiaculazione a seguito di minima stimolazione sessuale prima, durante o poco dopo la penetrazione e prima che il soggetto lo desideri" ( Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, 2007).
Quindi possiamo dire che un episodio di eiaculazione precoce non è il segnale di un disagio, ma una condizione spesso comune: la giovane età e la poca esperienza sessuale di un uomo, una nuova partner, un precedente periodo di astinenza sessuale, problemi di ansia e stress personali o legati al rapporto con il/la partner.
Quando il problema di eiaculazione precoce è invece molto frequente, se non costante nel tempo, possiamo parlare di disturbo.
E' importante ovviamente escludere la possibilità di cause organiche come problemi alla tiroide, infiammazioni della prostata, ecc. In tal caso andranno fatti tutti gli accertamenti medici e poi impostata una terapia.
Ma se non ci sono cause organiche scatenanti, bisogna invece rivolgersi ad uno psicologo, o ad uno psicoterapeuta, che possa valutare le cause del problema e impostare una terapia psicologica.



Quali le cause psicologiche dell'eiaculazione precoce?


Numerose sono le ipotesi: difficoltà legate alla propria identità o all'identificazione con un'immagine maschile ben delineata; paura di relazionarsi con l'altro sesso e sentirsi inadeguato o sotto esame; timore nel lasciarsi coinvolgere in una relazione completamente ( ci si da "a piccole dosi").
Questi che vi ho elencato sono alcuni dei tipici conflitti interiori, che alcuni uomini possono trovarsi a vivere, ma sono generici, infatti, come non mi stancherò mai di ripetere, vanno valutate le situazioni individuali singolarmente, perché ognuno di noi porta la sua storia unica.



Esistono farmaci specifici per l'eiaculazione precoce?


Non esistono farmaci specifici, ma esistono gli psicofarmaci, nello specifico gli antidepressivi, ( recentemente vengono reclamizzati alcuni nuovi antidepressivi a basso dosaggio, come se fossero risolutivi ) che vengono a volte somministrati perché avrebbero il potere di "far durare di più" il rapporto sessuale.
Come professionista non ho nulla contro gli antidepressivi: capita di seguire pazienti con depressioni molto gravi, che senza l'ausilio degli psicofarmaci non sarebbero in grado di sostenere il percorso di sostegno psicologico, ma bisogna rendersi conto che mi riferisco a casi severi, in cui il miglioramento della qualità della vita supera gli effetti collaterali degli antidepressivi.
Nel caso dell'eiaculazione precoce di origine psicologica assumere antidepressivi corrisponde a essere miopi e non vedere bene da lontano, ma invece di comprare degli occhiali, usiamo il binocolo: qual è il vantaggio?
Gli antidepressivi, lo sanno tutti, non curano, ma semmai riducono un sintomo, o un corollario di sintomi, fintanto che li assumiamo. Una volta interrotta la terapia psicofarmacologica, il problema rimane.
E' importante fare informazione e accettare che non esistono pillole magiche che eliminano il disagio psicologico ed emotivo, ma l'unico modo per recuperare il benessere è rivolgersi a chi si occupa della psiche, cioè psicologi e psicoterapeuti regolarmente iscritti all'Albo e abilitati alla professione.



Vi lascio 2 link utili per approfondire il tema dell'eiaculazione precoce: Ordine Nazionale Psicologi Italiani e Centro Italiano di Sessuologia


Se volete capire come trovare una soluzione, potete contattarmi e valuteremo se possiamo lavorare insieme.

CONTATTATEMI







SEGUITEMI SU INSTAGRAM

© dott.ssa Susanna Murray - Psicologa Pesaro. Design by Fearne.